BIANCHINA E NERINA (Emme edizioni)

Bianch.jpg (373533 byte)

 

Bianch2.jpg (545557 byte)

 

Ermete era un cane pastore bravissimo: a seconda di come ringhiava, le pecore camminavano in fila indiana o a due a due, giravano a destra o a sinistra, trottavano o galoppavano, frenavano o acceleravano. Aveva solo un punto debole: quando la sera riportava il gregge all'ovile, contava le pecore e quando arrivava a venticinque, trenta, si addormentava invariabilmente fra grandi sbadigli.

Le pecore, che ormai lo conoscevano bene, quando volevano un po' di libertÓ, gli passavano davanti una ad una belando una loro ninnananna che diceva : - Behhh, behhh, beh beh ! Bebehh , bebehh, bee bee ! Bebbebeh, bebbebeh, bebbebeh , boh ? Beh, bah, buh, boh !-

Il povero Ermete s'incantava a guardarle, poi cominciava a sbadigliare, sistemava la testa fra le zampe anteriori e cominciava a ronfare alla grande.

Le pecore allora si sparpagliavano per la campagna: una filava al fiume a pescare, un’altra andava al cinema e qualcuna addirittura al mercato. Molte per˛ restavano assieme. Cercavano un prato adatto e, fatte le squadre, si affrontavano in feroci partite di calcio all'ultimo sgambetto. Era la loro passione: abbandonavano per qualche ora la loro mite natura e si sfogavano dietro alla palla. Giocavano senza arbitro e se le davano di santa ragione.

disegni di Barbara Nascimbeni

TORNA ALL'INDICE

VAI A PUBBLICAZIONI

e-mail: stefano@bordiglioni.com